“La società è compatta e lavora per il bene della squadra, ovviamente in una situazione come questa, in cui i risultati non arrivano, ci mettiamo tutti in discussione e ci confrontiamo insieme, anche con mister Monaco, per cercare di analizzare ogni partita e situazione con l’unico obiettivo di migliorarci e fare bene”. Queste le parole del presidente del Foligno Calcio, Renato Colavita, durante la conferenza stampa tenutasi mercoledì 27 ottobre.

Dello stesso avviso anche il direttore generale, Pierluigi Petritola, che ha sottolineato: “In un momento difficile come questo dobbiamo essere tutti uniti, compresi i tifosi che devono incitare la squadra, perché stiamo lavorando per non farla retrocedere ed è necessario ricompattarci con la città”. “Bisogna comunque evidenziare – ha proseguito l’avvocato Petritola – che la rosa c’è ed è compatta, manca qualche elemento, ma ci sono profili importanti. Poi va tenuto in considerazione che si tratta di una squadra nuova, rifondata da zero, quindi è necessario un po’ di tempo per fare meglio e Monaco è un allenatore di indubbio valore, pertanto vanno difesi i giocatori, il mister e la società. Stiamo cerando di affrontare il campionato per avere una salvezza tranquilla”.

Il direttore sportivo, Manuel Colavita, ha invece ribadito: “Puntiamo molto sui giovani. La squadra è sicuramente molto giovane, ma competitiva, sono tutti ragazzi nuovi, ma si è già creato un bel gruppo, ed è questa la base su cui dobbiamo lavorare. È chiaro che sia necessario ritoccare qualcosa, per reparto ed esperienza, ma Bengala ci darà una grande mano nel centrocampo, il reintegro di Tetteh ci sarà anche di aiuto, e poi stiamo lavorando sulla difesa e su due nuovi attaccanti, uno è già arrivato e magari possiamo affiancarlo presto ad un esperto”.

Chiaro e diretto anche l’amministratore delegato, Gianfranco D’Angelo: “Il nostro intento è di metterci al servizio della squadra per cercare di fare meglio e portare risultati”.

Tutti i diritti riservati